stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
logo del comune
Comune di Lagnasco
Stai navigando in : Territorio e cultura

Cenni storici

Se Lagnasco costituisce attualmente un'importante realtà economica del Piemonte, non è privo nemmeno di dignità storica: per oltre 500 anni è stato il feudo della famiglia Tapparelli, un ramo della quale fu quello dei Tapparelli d'Azeglio, di cui furono noti esponenti Massimo d'Azeglio, Roberto ed Emanuele.

Della famiglia rimane, a testimonianza del suo potere e della sua sensibilità culturale, il castello che si caratterizza per la presenza di oltre 1000 metri quadrati di superfici affrescate risalenti al periodo rinascimentale e riferibili a maestranze locali che ebbero occasione di lavorare a Roma nei Palazzi Vaticani a contatto con artisti della cerchia di Raffaello.

Il castello di Lagnasco che è stato definito il piu' importante monumento rinascimentale del Piemonte è oggetto di un'importante processo di restauro e di riqualificazione allo scopo di restituirlo quanto prima alla godibilità collettiva. La cultura del castello e la cultura della frutta caratterizzano questo angolo di Piemonte: una buona terra per buoni frutti !!

   Il Territorio
Comune di Lagnasco - Piazza Umberto I, 2 - 12030 Lagnasco (CN)
  Tel: 0175 72 101   Fax: 0175 72 630
  Codice Fiscale: 85000750043   Partita IVA: 00568590046
  P.E.C.: segreteria@pec.comune.lagnasco.cn.it   Email: segreteria@comune.lagnasco.cn.it
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso.    Approfondisciaccetto
accetto
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento